L'Abruzzo tra il 2013 e il 2020 perde quasi 49mila abitanti e decresce del 3,68%

nascite popolazione crescita 1' di lettura 20/01/2022 - Andamento demografico dell’Abruzzo tra il 2013 e il 2020: l’Abruzzo perde 48.906 abitanti e decresce del 3,68% con un’intensità pari al doppio di quella dell’Italia che è stata dell’1,84%

L’Abruzzo perde gli stessi abitanti di una città come Chieti. La decrescita più allarmante è quella dovuta all’emigrazione dei giovani (15‐31 anni).

La flessione si spalma
· con intensità più elevata nelle province di L’Aquila e di Chieti che presentano aree in fase di spopolamento più numerose,
· con intensità più lieve nelle province di Teramo e di Pescara che hanno aree in fase di spopolamento meno numerose.

Lo spopolamento riguarda sia i comuni montani delle aree interne che quelli non montani delle aree costiere.

In allegato il report.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-01-2022 alle 12:59 sul giornale del 21 gennaio 2022 - 104 letture

In questo articolo si parla di attualità, popolazione, crescita, nascite, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cGjy